APERITIVO TEATRALE
con
ANDREA MERONI
GRAZIA RAVASI
ORIELLA IANNUZZI
durata
30 minuti
produzione
AGO teatro

L’Uomo, posto di fronte all’abisso, ha sentito il bisogno di definirlo, per non perdervisi. Così ha creato la parola che segna un confine e i confini ci aiutano a non smarrirci. La parola ci permette di comunicare, di capirci e di esprimerci. La parola ci fa essere meno soli.

 

Percorrendo dinamicamente le strade della poesia e della prosa, dall’armonia alla frammentazione, emerge ogni aspetto della parola: il significato e il significante, il suono e l’accento, il colore e l’energia. È allora che la parola, in pieno stile‐AGO teatro, diviene gesto, corpo, voce. Non è il mero contenitore di un concetto, ma spazio nuovo che arricchisce, espande e attraversa l’anima, il cuore e la mente. E lo fa penetrando nel sangue con il suo ritmo, un battito che AGO teatro interpreta e valorizza come parte imprescindibile della parola.

 

Così, fra parole e ritmo, riscopriamo il piacere della pronuncia che si fa musica, del  significato che diventa ispirazione e del simbolo che torna a essere esigenza espressiva.

 

Parole e ritmo| Spettacolo teatrale
Parole e ritmo| Spettacolo teatrale

“Le parole sono soffi dell’anima davanti all’ignoto per definirlo e non averne più paura.”

Parole e ritmo| Spettacolo teatrale
Parole e ritmo| Spettacolo teatrale

“Le parole sono soffi dell’anima davanti all’ignoto per definirlo e non averne più paura.”

Parole e ritmo| Spettacolo teatrale
Parole e ritmo| Spettacolo teatrale

“Le parole sono soffi dell’anima davanti all’ignoto per definirlo e non averne più paura.”

Parole e ritmo| Spettacolo teatrale
Parole e ritmo| Spettacolo teatrale

“Le parole sono soffi dell’anima davanti all’ignoto per definirlo e non averne più paura.”

1/29